È morto improvvisamente, a soli 54 anni, Tommaso Labranca. Scrittore, autore tv, conduttore radiofonico, editore, firma del giornalismo e grande conoscitore del mondo dei media e della cultura contemporanea, dopo gli esordi come traduttore si è fatto conoscere dal grande pubblico con i libri "Andy Warhol era un coatto" ed "Estasi del pecoreccio". È stato anche autore di "Anima mia", condotto da Fabio Fazio e Claudio Baglioni.

Tommaso Labranca si dedicò all'analisi della fenomenologia del trash, del "cialtronismo" e della vita nelle periferie urbane. Negli Anni '90 fu uno degli animatori del gruppo Cannibale, giovani autori italiani tra cui spiccano Aldo Nove, Isabella Santacroce, Niccolò Ammaniti e Tiziano Scarpa.

Negli anni 2.000 si appassionò alla radio, conducendo trasmissioni, continuando a collaborare per riviste e quotidiani.  Nel 2013 fondò la casa editrice "20090", con la quale pubblicò i propri libri e volumi di altri autori.