Il Comune di Sciacca, in provincia di Agrigento, è stato condannato a pagare 350 mila euro di risarcimento danni ai genitori e ai fratelli di Salvatore Ciancimino, un pizzaiolo (all'epoca dei fatti 26enne) morto in un incidente stradale nel gennaio del 2007 causato da un cane randagio. La vittima, che viaggiava a bordo di una Honda 600, aveva perso il controllo della moto dopo avere investito un cane randagio che gli aveva tagliato la strada.

La sentenza è del giudice Filippo Marasà del tribunale di Sciacca. La famiglia del giovane aveva chiesto un risarcimento di 2 milioni di euro. Il Comune, che si è costituito in giudizio, è stato ritenuto responsabile di non aver evitato la presenza di animali lungo la sede stradale.