Drammatica vicenda a Taormina. Il cadavere dello scrittore Sergio Claudio Perroni è stato rinvenuto in via Roma, nella zona sottostante l’hotel San Domenico. Non è ancora chiara l’esatta dinamica, così come il perché di quanto accaduto. Secondo le prime indiscrezioni, si sarebbe tolto la vita, sparandosi un colpo di pistola alla testa.

Scrittore, traduttore e agente letterario, Sergio Claudio Perroni aveva 63 anni ed era una figura poliedrica del mondo editoriale.

Il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, ha dichiarato: “La tragedia dello scrittore Sergio Perroni ha colpito gli amici, ma anche tutta la comunità taorminese. Egli era, infatti, uno dei tanti intellettuali che aveva scelto Taormina come patria elettiva. A nome della cittadinanza esprimo cordoglio, tristezza e commozione per un inatteso e incomprensibile atto. Se conosco la personalità di Sergio, tuttavia, devo anche affermare che si è certamente trattato di un gesto consapevole e lucido, proprio di un uomo intelligente e critico, sicuro delle sue idee. O almeno, così mi piace credere”.