01Intorno ai primi di dicembre la Penisola si colora di rosso, bianco e verde: i colori dell’Albero di Natale e della neve. Arrivano i mercatini: che tra banchetti e chioschetti offrono addobbi, complementi d’arredo e prodotti tipici della gastronomia locale.

Come ogni anno, l’Alto Adige allestisce Merano: il suo piccolo mercatino presso piazza Terme è sede di grandi soddisfazioni per gli avventori. Quest’anno sarà infatti possibile cenare dentro enormi decorazioni a forma di sfera, mentre intanto, lungo il fiume, le bancarelle proporranno di tutto: dai noti zoccoli scolpiti in legno della tradizione sudtirolese, a scarpe e cappelli in lana cotta fatti a mano, fino ad arrivare ai più tipici prodotti eno-gastronomici, come i canederli e l’occorrente essiccato per realizzare uno squisito vin brulé.

In provincia di Trento c’è invece il paesino di Arco, che con il suo mercatino composto da 40 casette allestite con addobbi natalizi, renderà gli acquisti per le feste ancora più piacevoli, attraverso la vendita di preziose idee regalo per la casa come candele e decorazioni di vario genere e materiali.

Ci spostiamo in Friuli Venezia Giulia e in particolare a Sauris di Sopra, frazione di Udine. Qui, le bancarelle traboccheranno dei prodotti tipici dell’artigianato locale: come gli oggetti in legno e ferro battuto, ma anche accessori per la casa e per sé in paglia, ceramica, lana cotta e feltro: si va dalle caratteristiche scarpèts, pantofole in velluto con suola in copertone riciclato, agli addobbi, fino ai giocattoli e alle sculture; da non dimenticare poi il settore culinario, sui cui svettano il noto prosciutto affumicato, la birra e i formaggi di malga.

Sempre in provincia di Udine, a Carnia, la fiera dei Sapori, porterà il paese in un’atmosfera di grande festa che sarà caratterizzata dalle decorazioni semplici, tipiche dei luoghi di montagna: tutt’intorno, gli abitati saranno infatti arricchiti con pannocchie, rami di pino freschi e bacche di bosco, mentre nel grande mercatino si potranno acquistare e degustare le marmellate e le grappe tipiche, i salumi affumicati e i formaggi della zona.

Ci spostiamo in Piemonte, dove la parola d’ordine è anche qui: artigianalità; i torinesi potranno infatti acquistare presso il complesso di Cortile del Maglio, decorazioni natalizie, idee regalo, addobbi per il presepe e oggetti per la casa.
In provincia di Biella e in particolare a Sordevolo, insieme alle idee regalo per il Natale 2014, sulle bancarelle si affolleranno anche i dolciumi.

La Valtellina, ovvero la Lombardia, questo fine settimana si colorerà con i ricchi stand traboccanti di cioccolata calda e vin brulé della nota località sciistica di Livigno, per gli avventori intirizziti che vorranno acquistare i prodotti della tradizione natalizia scolpiti in legno. Ma a Milano, nel complesso fieristico di Rho, questo weekend è anche quello di chiusura della nota Fiera dell’Artigianato, la super-esposizione internazionale che ogni anno ospita cibi e manufatti artigianali di ogni genere, provenienti da tutto il mondo. In centro città, tra Castello Sforzesco e piazza Mercanti, ad accogliere gli avventori ci saranno i caratteristici ‘obej obej’, dove sarà possibile ammirare e acquistare, fino all’8 dicembre, tante sfiziose idee per sé e per la casa: si va dagli oggetti in legno a quelli in ceramica, fino ai gioielli in vetro e metallo e ai libri.

Scendiamo a Roma: nella Capitale, il mercatino di Natale più amato e conosciuto è quello presente a piazza Navona. Qui è possibile acquistare dolci di ogni tipo ma anche giocattoli e decorazioni; tra gli stand anche le calze della Befana, perché il mercatino rimane aperto fino al 6 di gennaio.

Tra le stradine di un antico borgo della città di Pesaro, al via l’undicesima edizione di 'Candele a Candelara': qui sarà possibile acquistare le pregiate statuine del presepe fatte a mano dagli artigiani locali e visitare il luogo in cui Babbo Natale prepara i suoi regali.

Un percorso adatto agli amanti del presepe, anche quello che viene messo in scena, ogni anno da generazioni, nel noto mercatino sito in via San Gregorio Armeno, a Napoli. Sui banchi: centinaia e centinaia di statuine di pastori, animali e botteghe storiche: e poi mulini, cascate e fontane in movimento, per quelli che il presepe non è solo una passione e una tradizione ma anche un’arte.

La Sicilia si colora di Natale presso il mercatino di San Gregorio, alle porte di Catania: qui i banchetti offrono una ricca esposizione di prodotti tipici dell’artigianato locale, ma anche una serie di iniziative volte ad animare lo Spirito della Festa: canti e spettacoli all’aperto saranno serviti a tutti. A Caltagirone, sempre in provincia di Catania, le botteghe artigiane del centro mettono in vendita i loro preziosi pastori, figure di ogni tipo realizzate a mano per il presepe.

Autore | Enrica Bartalotta