Lago Pozzillo - Foto di Walter Lo CascioAl centro della Sicilia, in quella che i Romani chiamavano "umbilicus Siciliae", nasce un bacino che è ancora oggi tra i più grandi d’Europa. Il lago di Pozzillo ancor oggi poco conosciuto, goduto e troppo poco amato, è un lago artificiale, creato da una diga sul fiume Salso, allo scopo di dare acqua ai terreni della regione tra Enna e Catania. Forse è proprio da qui che Enna prende il suo nome di "provincia dei laghi", ed è magari da qui che il poeta e filosofo tedesco Wolfgang Goethe trovò ispirazione per le sue opere.
Da lontano, la immensa distesa innevata dell’Etna, dona a questo luogo, di pace e silenzio, ulteriore maestosità. Questo bacino lacustre, situato proprio al centro della provincia di Enna, tra i monti Erei e i monti Nebrodi, all’incrocio tra le contrade Cangemi, Prato e Buterno, è un’area di circa 580 chilometri, facilmente raggiungibile dall’autostrada A19 Palermo-Catania, dalla Strada Statale 121 e da altre, numerose, strade provinciali. Da qualche anno, il comune di Regalbuto a cui il lago fa capo, ha deciso di riqualificare la zona per far sì che diventi punto di riferimento turistico e patrimonio naturalistico per la provincia e dell’intera Isola.

La diga di Pozzillo o lago Orcel, ultimata nel 1959 e gestita da Enel, ha una capacità di ben 150 milioni di metri cubi d’acqua, che vengono utilizzati in parte, per il sostegno all’agricoltura locale, e in parte per alimentare la contigua centrale idroelettrica.

Immerso nel cuore della Sicilia, questo bacino artificiale che è anche il più grande sul territorio, è ornato da un'area boschiva costituita essenzialmente da eucalipti, ed è luogo di ritrovo per la fauna migratoria (soprattutto uccelli) che lo utilizzano come punto di ristoro. Ma questo lago è anche luogo di pastura, che pone anche valide condizioni per la riproduzione. Polo d’incontro soprattutto per i pescatori delle zone limitrofe, questo bacino è da poco diventato anche luogo di ritrovo per famiglie, grazie ad un intervento massivo sui percorsi territoriali oggi pedonali, ciclabili e percorribili a cavallo, che sono stati costituiti tutt’attorno al bacino, discendendo poi verso il percorso del fiume. Attorno al lago sono sorte così alcune strutture sportive e ricreazionali, ad esempio per la pratica del canottaggio; il lago infatti ospita ogni anno gare e iniziative a livello regionale e nazionale.

A pochi chilometri dalle sue sponde nasce inoltre il primo Parco Avventura (aperto da marzo a dicembre) certificato dell’entroterra siciliano. Parco Avventura Pozzillo offre sette percorsi acrobatici in altezza, tra gli alberi di eucalipti e pini che rendono famosa e indimenticabile, a livello naturalistico, questa zona. Arrampicate dunque, per adulti e per bambini, e percorsi che sfidano equilibrio, velocità, coordinazione e spirito d’avventura.

Il comune di Regalbuto ha previsto, già dal 2009, una serie di piani di sviluppo volti alla trasformazione del lago in un luogo così sfruttabile dal turismo di massa: bar, ristoranti, tavoli da pic-nic nonché ulteriori attrezzature che possano far così diventare Pozzillo, polo sportivo anche per i comuni limitrofi; e poi ancora: strutture finalizzate al pernottamento, come villaggi turistici e aree per campeggi e rifugi, sono inoltre in programma, insieme ad aree volte a fornire servizi igienici, punti di informazione e parcheggi per gli astanti.

Nel frattempo, nessuno vieta comunque di visitare il bacino lacustre, molto apprezzato già da chi lo conosce per la sua tranquillità ed il silenzio. Il lago di Pozzillo è il luogo giusto per assaporare una giornata in famiglia, magari una bella domenica prima che torni la pioggia, per riscoprire insieme, magari ai propri figli, le gioie di una passeggiata all’aperto, in bici, e la sacralità di luoghi come questo.

 

Autore |  Enrica Bartalotta

Foto:

Lago di Pozzillo – Foto di Sanfilippo N.

lago Pozzillo – Foto di Orazio Minnella

Lago di Pozzillo – Regalbuto – Foto di Fausto Schiliro' Rubino.

Lago Pozzillo – Foto di Walter Lo Cascio 

Lago di Pozzillo – Foto di Giambattista Pisasale

lago Pozzillo - Foto di Orazio Minnella

Lago di Pozzillo - Foto di Giambattista Pisasale

Lago di Pozzillo - Foto di Sanfilippo N.