Un neozelandese di 19 anni, Mark Cropp, si è ritrovato senza lavoro e con una figlia piccola a carico. Il ragazzo non riesce a trovare un impiego non soltanto perché ha scontato due anni per rapina aggravata. Mentre era in prigione, un giorno, completamente ubriaco, decise di farsi tatuare sul viso una scritta gigante, come riporta la stampa locale con tanto di immagini.

Lui si offre come imbianchino e decoratore, ma evidentemente quel tattoo non è un buon viatico. La scritta è "Devast8" e Mark assicura che si tratta del suo soprannome, e non di una qualche gang come si potrebbe erroneamente pensare. Alla disperata ricerca di un lavoro, il giovane, che vuole cambiare vita a tutti i costi dopo un passato difficile, ha deciso di rivolgersi a uno studio di tatuaggi specializzato nella rimozione laser della body-art.

Briar Neville, uno dei proprietari dello studio che si trova a Auckland, ha spiegato: "Non mi è mai capitato un tatuaggio così grande da rimuovere, ci vorranno dalle otto alle dodici sessioni".