Si torna a parlare della vicenda della baby squillo palermitana, emersa nello scorso mese di marzo. Il tribunale del riesame ha chiesto a un perito di valutare le condizioni psichiche di Dario Nicolicchia, il 31enne arrestato con l'accusa di aver indotto l'ex fidanzatina minorenne a prostituirsi con personaggi della "Palermo bene".

Un perito dovrà dire se le condizioni dell'uomo sono compatibili con il regime carcerario. Secondo l'accusa, il ragazzo avrebbe convinto la giovane ad avere rapporti sessuali a pagamento, facendo da "manager": così si sarebbe creata una fitta rete di clienti. La difesa di Nicolicchia ha fatto eseguire una prima perizia, dalla quale è emerso che l'imputato sarebbe "malato di sesso perché vittima di traumi infantili": da qui è partita la revoca del carcere. La tesi è stata smentita da una seconda perizia voluta dal gip. Adesso il tribunale del riesame ha chiesto un terzo parere.