Un nuovo video di farneticanti minacce da parte dell'Isis. Stavolta i bersagli sono Israele e l'Italia. Come rende noto l'autorevole "Jerusalem Post", la minaccia filmata proviene dal gruppo terrorista Wilayat Sayna, provincia del sedicente Stato Islamico in Sinai.

Nel video, della durata di 35 minuti, la voce di un jihadista annuncia che "questo è solo l'inizio, i nostri incontri (del gruppo, ndr) si terranno a Roma e a Gerusalemme. Ebrei, aspettaci, sarete puniti severamente e pagherete prossimamente un caro prezzo".

Intitolato "Fiamma del deserto", il video mostra alcune scene di violenza contro obiettivi egiziani con richiami storici e all'attualità. La voce di sottofondo evoca attacchi passati nel Sinai, come esempi di futuri attacchi contro gli occidentali.

"Questo è solo l'inizio, e il nostro incontro sarà a Roma e Beit al-Maqdis (Gerusalemme). Oh ebrei, aspettateci. La punizione sarà grave e presto pagherete un alto prezzo", minaccia il jihadista. Il video si conclude con le immagini di militanti che uccidono due militari egiziani, che l'Isis ha rivendicato di aver sequestrato ad Arish.