Veronica Panarello, la donna accusata dell'omicidio del figlio Loris Stival, uscirà oggi pomeriggio per la prima volta dal penitenziario di Agrigento, per andare a pregare sulla tomba del figlio. Dopo 9 mesi di detenzione, durante i quali ha continuato a dichiararsi innocente, il Gip di Ragusa le ha accordato un permesso: sarà accompagnata dalla polizia penitenziaria e scortata dalla polizia di Stato, ma è stato vietato qualsiasi contatto con l'indagata.

Non potranno avvicinarla né familiari né giornalisti e il cimitero sarà off limits per tutti. Subito dopo la visita sulla tomba, la donna verrà ricondotta nel carcere agrigentino. Il piccolo Loris Stival è stato ucciso il 29 novembre del 2014 a Santa Croce Camerina, nel Ragusano: secondo la Procura, sarebbe stato strangolato dalla madre, Veronica Panarello, che avrebbe poi gettato il corpo in un canalone di contrada Vecchio Mulino.