01Il palazzo Alliata di Villafranca è una residenza nobiliare di Palermo. A partite dal Seicento, fu residenza della famiglia pisana degli Alliata, principi di Villafranca.

L’edificio, con stucchi del Giacomo Serpotta, sorge nel mandamento Palazzo Reale, uno dei quartieri più centrali della città di Palermo, occupando un intero isolato tra il Cassaro (corso Vittorio Emanuele) e la via dell’Università, affacciandosi su piazza Bologni, dove una volta sorgevano le residenze private della famiglia Beccadelli di Bologna.
Il palazzo venne poi rimaneggiato nel XVIII secolo, ad opera del Vaccarini e contiene una delle più importanti collezioni d’arte della città, tra cui spiccava la nota “Crocefissione”, del pittore fiammingo Antoon van Dyck, lo stesso che realizzò la “Madonna del rosario”, raffigurante Santa Rosalia. Van Dyck visse infatti, per un certo periodo, in Sicilia, dove fu invitato da Emanuele Filiberto di Savoia in persona, che nel Seicento era viceré dell’Isola. Fu proprio i questo periodo, e in Sicilia, che il pittore di Anversa realizzò il “Ritratto di Emanuele Filiberto, principe di Savoia”, oggi conservato a Londra.

Dopo una serie di circostanze famigliari avverse, la residenza venne ceduta dagli Alliata al seminario arcivescovile di Palermo. I suoi molteplici saloni di rappresentanza rivestiti di tappezzerie in seta e pavimenti maiolicati, fino alla ricca sala da ballo con sculture e stucchi, sono state riportate ad antico splendore nel secolo attuale, grazie all’azione di alcuni volontari. Nel 2005, l’antica dimora stava per essere convertita a hotel, ma dal 18 maggio 2013 è finalmente visitabile, con tutti i suoi reperti e cimeli settecenteschi, ed è aperta al pubblico per tutto il giorno, da martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 19:00.

In città sono molteplici gli edifici nobiliari che appartennero alla casata nobile degli Alliata: come il palazzo Alliata di Pietratagliata, nel mandamento Castellammare, e la villa neogotica del Paolo Palazzotto, sita in via Serradifalco, entrambi voluti da Luigi Alliata. Alla morte di Luigi, la villa passò a Raniero, conosciuto come il ‘principe mago’, entomologo e intellettuale dell’Ottocento e del Novecento italiano.

Oggi, gli ultimi eredi della famiglia Villafranca sono: Il Principe Gabriele Alliata di Villafranca, Vittoria, Valeria e Claudia (figli di Raimondo), nonchè la cugina Vittoria (filia di Francesco).

 

Autore | Enrica Bartalotta