Nascondevano droga e pistole in mezzo a scope, scarpe e prodotti per la pulizia della casa. Sono scattate le manette per due coninugi di Palermo, accusati di ricettazione, detenzione di arma comune da sparo, detenzione di arma clandestina e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Hashish, cocaina e pistole erano tenute a portata dei 3 figli minorenni della coppia di "insospettabili". Gli agenti hanno individuato l'abitazione, nella zona di via Oreto, dopo pedinamenti ed appostamenti e con l'ausilio di strumenti tecnologici.

Dall'esterno erano una casalinga qualunque ed il marito che, pur con qualche precedente per rapina e droga, sembrava voler rigare dritto e dedicarsi soltanto all'attività di meccanico. Dopo il blitz presso l'officina dell'uomo, i militari hanno deciso di perquisire anche l'abitazione, dove hanno rinvenuto, in uno stanzino, 100 chili di hashish, un chilo di cocaina, 5 pistole e numerosi proiettili. La droga era pronta per alimentare le principali piazze di spaccio di Palermo, tra Capo, Ballarò e Guadagna. Dopo il sequestro di quanto trovato, l'uomo è stato condotto in carcere, mentre la donna è stata posta agli arresti domiciliari.