Il Sistema Museale di Ateneo, presso l’ Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo, apre al pubblico martedì 12 aprile alle ore 17.00 la mostra di Tiziana Cera Rosco, artista residente in orto, Erbario dell’emersione, a cura di Cristina Costanzo.

L’artista presenta così al pubblico la seconda esposizione del suo lavoro realizzato completamente durante la residenza nell’orto palermitano durante il 2021/22 con un materiale particolare: le alghe. Preposte ad essere scartate dal ciclo naturale, la Cera Rosco le raccoglie, le lavora, le fa essiccare e le rende tessuto e strumento utile alla realizzazione di  un’immagine. Ha costruito cosi un erbario di 490 pezzie una sindone proprio per inaugurare il periodo di Pasqua legato alla Resurrezione.

Se la prima opera/istallazione realizzata ed esposta durante la Zagara si chiamava Naufragio ed era un lavoro fatto di lenzuola che richiamano l’idea del sudario e aprono una riflessione sulla scrittura ossia che non riesce a realizzarsi e naufraga in un atto mancato, con Erbario Dell’Emersione il movimento è quello del lasciar affiorare un’immagine proprio dall’inabissamento.

L’artista che da sempre lavora con un’idea di corpo da far rinvenire, che sia il suo o quello che la tradizione cristiana ci consegna proprio per la Pasqua, presenterà anche una performance che si terrà nello studio vicino all’acquarium dove le alghe sono state raccolte e nel giorno di venerdì 15 aprile, presso il Gymnasium, una lettura pubblicadel Commento alle Ultime Sette Parole di Gesù sulla Croce.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati