L’Orto Botanico di Palermo si anima a partire da venerdì 6 maggio fino a domenica 8 con una tre giorni di grande impatto emotivo: “Il teatro della cura” per indagare come può la malattia trasformarsi in un percorso benefico, denso di dolore ma anche di forza e a tratti di ironia.

Valeria Patera firma un progetto che riunisce la tre giorni di teatro e un Convegno che si terrà il 6 maggio nella Sala Lanza dell’Orto Botanico di Palermo. Al convegno parteciperanno medici, psichiatri, filosofi e scrittori, tra cui Paolo Repetti, editor di Einaudi; il premio Strega Emanuele Trevi, il prof. Daniele La Barbera.

“Ho tratto i due testi degli spettacoli – ha affermato Valeria Patera, autrice, attrice e regista – da due scrittori che non si sono conosciuti in vita ma che io ho messo in connessione per il tema delicatissimo trattato: la malattia e il confrontarsi con la morte, Pia Pera che ci ha lasciato “Al giardino ancora non l’ho detto” e Severino Cesari che scrisse poco prima di morire “Con molta cura”.

La malattia ci costringe a prendere atto del limite della nostra umanità. I due spettacoli ci propongono l’accettazione della malattia, senza lamenti o afflizioni ma sublimando il pensiero della morte, trasformando la morte nella cura per qualcosa che ci sta molto a cuore, il giardino nel caso di Pia Pera, e la scrittura per Severino Cesari.

“Anche il ramo dell’albicocco si è seccato- ha scritto la Pera- perché non dovrebbe succedere anche alla mia gamba”. Ma nessuno dei due si chiude nel terrore della malattia, ma entrambi l’hanno vissuta come un’esperienza di vita nuova, senza aver paura del cambiamento”.

Nel Convegno il tema della Cura sarà analizzato da diversi ambiti disciplinari e infatti è organizzato in collaborazione con l’Università, il dipartimento di Scienze Umane e altri della facoltà di Medicina. Gli attori impegnati sono Roberto Burgio e Stefania Blandeburgo. Tra il convegno e gli spettacoli sarà offerto al pubblico un aperitivo.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati