PALERMO – Un presunto caso di violenza sessuale è avvenuto questa mattina a Mondello. Una donna di servizio di 28 anni ha denunciato il suo datore di lavoro alla polizia: erano rimasti soli in casa e lui avrebbe tentato l'abuso. La giovane, però, è riuscita a mandare un sms ai familiari per avvertirli di quanto stava accadendo, e in pochi minuti diverse volanti della polizia si sono precipitate sul posto.

Come racconta "PalermoToday", i protagonisti di questa storia sono stati poi ascoltati separatamente in commissariato. La polizia prosegue con le indagini. Intanto, ecco la testimonianza di uno zio della 28enne

Mia nipote lavorava per questa coppia già da qualche mese. Finora si era occupata di casa loro dando una mano alla moglie, mentre adesso si erano spostati nella residenza estiva per dare una sistemata. Mi ha raccontato che stava pulendo quando lui ha cominciato a importunarla. Dopo una colluttazione lui l’ha bloccata per le braccia, dicendole che non doveva preoccuparsi, che si stava sbagliando e che non avrebbe dovuto chiamare nessuno. Non ho motivo di pensare che lei possa essersi inventata tutto. Che motivo avrebbe avuto di montare questo macello? Per perdere il lavoro?.