MARSALA (TRAPANI) – Ad appena 3 anni Andrea Mistretta morì dopo 4 giorni di agonia all'ospedale Villa Sofia di Palermo: il piccolo aveva rimediato un trauma cranico con emorragia cerebrale. Adesso la procura ha chiesto il rinvio a giudizio del 57enne pediatra marsalese Antonino Francesco Parrinello. L’accusa è omicidio colposo.

La prima udienza preliminare è stata fissata per il 7 marzo. Per i genitori dello sfortunato bambino, che hanno denunciato il medico, e per i consulenti tecnici della procura, Parrinello avrebbe sottovalutato le conseguenze di una caduta del piccolo. Nel tardo pomeriggio del 9 aprile 2016 Andrea aveva battuto la testa a terra mentre giocava in casa con un pallone..

I genitori, Nicolò Fabrizio Mistretta e Manuela Monteleone, parte civile con l’assistenza degli avvocati Alessandro Casano e Gaspare La Grassa, hanno raccontato di averlo fatto visitare dal pediatra, che avrebbe detto loro che potevano riportare il bambino a casa e farlo riposare. Qualche ora dopo, però, visto l’aggravarsi delle condizioni del piccolo, lo hanno portato al Pronto soccorso dell’ospedale Borsellino di Marsala. Di lì a poco la tragedia.