PALERMO – Nemmeno 2 settimane fa ha cercato di affogare un cucciolo di cane per poi strappargli la punta delle orecchie a morsi ed era scattato l'arresto, anche se non era stata applicata alcuna misura cautelare. Nel maggio scorso si era già reso protagonista di altri brutti episodi di cronaca. E oggi Calin Vasile, romeno di 35 anni, è finito nuovamente in manette: deve rispondere di resistenza e violenza a pubblico ufficiale

I poliziotti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, durante un servizio di controllo del territorio in via Roma, lo hanno notato mentre colpiva ripetutamente una saracinesca e un palo, tentando di scardinarli. Vasile, che era a dorso nudo, stava per lanciarsi su una passante che aveva in braccio un bambino quando è stato bloccato.

Il romeno non ha gradito l'intervento dei poliziotti e ha iniziato a colpirli con calci e pugni. Una volta immobilizzato, è stato condotto presso gli uffici della questura per gli accertamenti di rito e, successivamente, presso un ospedale cittadino dove si è verificato il suo stato di ebbrezza.