Sophie e Lincoln Catts sono due gemellini di due anni e mezzo, apparentemente uguali come due gocce d'acqua. Tra i due, però, c'è un'importante differenza, che riguarda il loro modo di comunicare: mentre Lincoln parla, Sophie si esprime nella lingua dei segni. La colpa è di un virus che la mamma ha contratto durante la gravidanza.

Il virus in questione si chiama Citomegalovirus (Cmv), ed è molto comune. Appartiene alla famiglia degli herpes virus e si presenta il più delle volte in forma asintomatica e non replicabile. Quando una donna incinta lo contrae c'è una bassa probabilità che il virus contagi il fero ma, quando questo si verifica, le conseguenze possono essere gravi.

È il caso dei due gemellini:

I piccoli – ha spiegato il pediatra Kevin Albert – sono nati con il virus che causa problemi allo sviluppo del cervello e al sistema nervoso. A volte colpisce anche gli altri organi.

Il piccolo Lincoln non ha subito conseguenze, mentre Sophie ha ripetutamente fallito il suo test uditivo neonatale. I medici hanno quindi eseguito gli screening necessari per il Cmv e sono riusciti a fare una diagnosi precope, cominciando con una trattamento con farmaci antivirali. Se non fosse stata curata in tempo, Sophie avrebbe perso totalmente l'udito e la vista, oltre a riportare altri deficit.