La Pasqua è alle porte e con lei anche i ricchi pasti consumati in compagnia di parenti e amici. Per evitare di rovinarsi le feste, quando si esagera a tavola, ecco 6 consigli per evitare disturbi gastrointestinali forniti da Assosalute (Associazione nazionale Farmaci di automedicazione) "per poter godere in tranquillità delle prelibatezze pasquali senza brutte sorprese da parte di stomaco e intestino". 

Durante le feste capita di consumare pasti abbondanti costituiti spesso da pietanze elaborate e ricche di grassi, e questa combinazione di alimenti puo causare l'aumento di reflusso gastro esofageo, specie per chi soffre di ernia iatale, o può generare dolori addominali o irregolarità intestinale soprattutto in presenza di disturbi del colon (es. sindrome del colon irritabile).

1)Occhio ai disturbi di digestione per i quali occorre assumere farmaci antispastici contro il mal di pancia, probiotici ed enzimi digestivi contro la cattiva digestione, antidiarroici e fermenti lattici per fermare la diarrea e regolarizzare l'intestino, antiacidi per favorire la digestione e combattere acidità e reflusso gastro-esofageo. Un valido aiuto può arrivare dai farmaci senza obbligo di prescrizione, di automedicazione, acquistabili senza ricetta medica e riconoscibili grazie al bollino rosso che sorride apposto sulla confezione.

2)Meglio cioccolato fondente che al latte: il cioccolato fondente è senz'altro da preferire, mentre di solito è più critica l'assunzione di cioccolato utilizzato come copertura della colomba pasquale o di cioccolato contenuto all'interno di dolci di vario tipo, perchè in entrambi i casi oltre al cioccolato si trovano lieviti, zuccheri del latte e grassi. 

3)Non eccedere nella quantità di cibo consumato per singolo pasto. In caso di pasti abbondanti, come avviene durante le feste pasquali, non tralasciare il movimento fisico; non dimenticare, anche durante le feste, l'importanza di una dieta equilibrata, tenendo d'occhio l'apporto calorico

4)Evitare di associare cibi che contengano sughi particolarmente grassi magari con aggiunta di panna e intingoli vari.

5)Controllare la quantità di alcool consumato durante i pasti, se un singolo bicchiere di vino porta con sè una serie di proprietà benefiche, al contrario, una maggiore quantità accentua le difficoltà digestive.

6) Quanto al capitolo dolci, consumateli con moderazione, specie se a fine pasto.