Se ne contano ormai a migliaia e dal 2003, anno in cui ne fu accertata la presenza, gli esemplari del gambero rosso della Louisiana si sono duplicati, invadendo le acque dei cinque laghi dell'oasi "Gorghi Tondi" di Mazara del Vallo. «Oggi probabilmente hanno raggiunto un loro equilibro», azzarda Stefania D’Angelo, direttore della Riserva Lago Preola e Gorghi Tondi.

La presenza del gambero esotico ha modificato l'habitat della Riserva, si legge sul Giornale di Sicilia:  dapprima era concentrato soltanto nei tre gorghi tondi, poi si è diffuso al più grande lago Preola e al Pantano Murana. A disfarsi di qualche esemplare, probabilmente, è stato qualche appassionato collezionista di specie esotiche, che l'ha abbandonato erroneamente nei bacini naturali. «Per noi è stata una vera novità – spiega la direttrice D’Angelo – la sua caratteristica è l’antibiodiversità. Infatti distrugge tutto ciò che incontra lungo il suo cammino, ma viene a sua volta predato dagli uccelli».