Pesce venduto abusivamente: sequestrati 28 chili di merce

I carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Licata (AG) hanno denunciato S.G. di 38 anni. L'uomo, conosciuto alle forze dell'ordine perché responsabile della vendita di prodotti alimentari nocivi per la salute pubblica, è stato colto nuovamente in flagranza di reato intento – questa volta – a vendere pesce (ben 28 chiligrammi) in delle vaschette di polisterolo prioprio sul ciglio del marciapiede.

S.G. non curante delle norme igienico sanitarie vigenti in Italia, ha più volte intimato i passanti all'acquisto del suddetto pesce, nella speranza di racimolare qualche spicciolo per la giornata. I Carabinieri, sequestrata la merce, hanno provveduto a distruggerla a mezzo smaltimento rifiuti speciali vista l'impossibilità a reperirne la provenienza come anche lo stato di salute del pesce.