"Cinquecento fuochi non si innescano per autocombustione. Aspettavano lo scirocco". Ma trovare i responsabili non sarà facile, "perché usano tecniche efferate: usano gli animali come piromani. Danno fuoco ai gatti che correndo incendiano tutti i cespugli che toccano". Lo afferma Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi sfuggito a un agguato, che annuncia: "Ci costituiremo parte civile nei processi ai piromani".

Antoci si dice convinto che tra i piromani ci siano anche i suoi nemici, "perché la mafia dei pascoli faceva affari d'oro che abbiamo mandato all'aria. Loro prendevano i terreni del demanio in affitto e poi incassavano i contributi europei guadagnandoci il 2.000%. Tra il 2007 e il 2013 sono stati stanziati 3 miliardi di euro", spiega. "Con il nostro protocollo di legalità non possono più prenderli e a chi li aveva sono stati tolti. Non è abbastanza per dare fuoco a zone meravigliose?", fa notare Antoci.