Il pomodoro Buttiglieddru è un prodotto tipico siciliano ricco di gusto. Si tratta di una varietà che si coltiva nell’Agrigentino, in particolare nella zona di Licata, che è stata a lungo dimenticata e che è tornata adesso, dopo circa 35 anni di assenza. Negli anni Settanta, infatti, l’agricoltura intensiva, l’avvento della serricultura e l’utilizzo dei pesticidi l’avevano fatto sparire, favorendo specie più produttive e sistemi di raccolta più semplici.

Il Buttiglieddru è un’antica varietà di pomodoro, molto valida non soltanto per la conservabilità, ma anche per il gusto. Il sapore è quello di un tempo, molto tradizionale. L’ambiente che gli è più congeniale è quello della Piana di Licata, contraddistinta dai terreni salmastri. Così, lo si coltiva a Campobello di Licata, Ravanusa, Butera e Palma di Montechiaro, che grazie alle condizioni pedoclimatiche restituiscono un prodotto di alta qualità e molto gustoso.

Ha il pregio di potersi coltivare durante tutto l’anno, non solo in pieno campo ma anche all’aperto, un po’ come avviene per il pomodoro siccagno. Lo si trova anche sotto tunnel e in serra ed è apprezzato sia rosso che come insalataro (quest’ultimo con un colore arancio-verde).

Per tutelare il pomodoro Buttiglieddru è nata un’apposita associazione composta dai produttori. Il prossimo passo è la domanda per ottenere l’IGP, cioè l’indicazione geografica protetta.

Una piccola curiosità: il nostro Buttiglieddru è stato protagonista al TG5: cliccate qui per vedere il video.