Sambuca di Sicilia si trasforma in un grande presepe. Il quartiere saraceno (miglior impianto arabo conservato in Sicilia) diventa una piccola Betlemme, in occasione delle festività natalizie.

Oltre 200 figuranti racconteranno la nascita di Gesù tra vecchi mestieri e angoli di un quartiere riqualificato, tra racconti tratti dall’Antico testamento e archi rampanti e scale in pietra, fino alla grotta, ricavata proprio a ridosso delle antiche “purrere” – cave di pietra arenaria che risalgono verosimilmente al periodo del Castello di Zabut, costruito poco dopo l’837. Il tema del presepe vivente di Sambuca di Sicilia è “Un bambino è nato a Betlemme”. La rievocazione è tratta dalla visione di San Francesco che ci guida tra le 24 scene del Presepe vivente.

Il progetto è organizzato dagli “Amici del Borgo”, dalla Pro loco l’Araba Fenicia e dal Comune di Sambuca di Sicilia. Tra i figuranti anche gli amministratori del paese. Quattro sere – il 29 e 30 dicembre e il 4 e 5 gennaio con inizio alle 18 – per rivivere la “notte delle notti”. Vi ricordiamo che Sambuca di Sicilia è stato eletto Borgo più bello d’Italia nel 2016.