ACIREALE (CT) – La Procura di Catania ha indagato per appropriazione indebita fratel Vincenzo, 44 anni, rettore camilliano del centro di prima accoglienza per poveri ed emarginati "Casa Sollievo di San Camillo" di Acireale. Il religioso, appartenente all'Ordine dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi, sarebbe fuggito con una volontaria della struttura e 27.900 euro: i soldi appartenevano all'ente di beneficenza. Gli agenti del commissariato della polizia di Stato di Acireale gli hanno notificato un avviso di garanzia e hanno anche sequestrato un conto corrente con 18.000 euro. Qualche settimana fa la vicenda aveva fatto molto scalpore: le indagini erano partite dopo una denuncia dei religiosi Camilliani "per una condotta appropriativa". Al religioso era stata affidata la completa gestione economica della provincia siculo-napoletana dell'Ordine fondato da Camillo De Lellis.