L’ipotesi che ECMWF aveva già lanciato stamani, per quanto poteva sembrare azzardata, trova importanti conferme negli ultimi aggiornamenti dei principali centri di calcolo internazionali

[Continua la lettura dell’articolo]