10° Concerto in cartellone

VENERDI’ 29 SETTEMBRE ORE 21:00

LA CERTOSA DI PALAZZO BUERA– Museo DEL GIOCATTOLO PIRAIONO di Bagheria (PA)

 

Concerto per Chitarra Classica e Flauto Dolce

     Antonio Di Rosalia, chitarra classica –  Chiemi Wada, flauto dolce

 

 

 

 

 

PROGRAMMA

 

 Fantasia X – Alonso de Mudarra (1510 – 1580)
 Variations over an English Folktime – Anonymous
 Concerto à Flauto Dolce au Luth – Ernst Gottlieb Baron (1696 – 1750)
– Adagio
– Allegro
– Siciliana
– Gigue
 A Ground – Godfrey Finger (1655 – 1730)
 A Division on a Ground (in F) – Godfrey Finger (1655 – 1730)
 Partita n 2 Allemanda, BWV1004 – Johann Sebastian Bach(1685-1750)
 Sonata in A minor – Georg Philipp Telemann (1681 – 1767)
 Sonate (F-Dur) – Antonio Vivaldi (1678 – 1741)

 

      (Ingresso libero e gratuito)

 

 

 

Antonio Di Rosalia,

Nato a Palermo nel 1968, Antonio Di Rosalia intraprende gli studi di chitarra classica prima sotto la guida del M° Girolamo Garofalo e, successivamente, li prosegue con il M° Paolo Romano, conseguendo la Laurea in Chitarra Classica presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Arturo Toscanini” di Ribera. Da anni si esibisce sia in qualità di solista che nell’ambito di formazioni cameristiche portando avanti collaborazioni con vari artisti tra i quali il flautista Fabio Faia, l’oboista Salvatore Ferraro,il violinista Salvatore Petrotto, il violoncellista Salvatore Clemente ed altri. Con il flautista Fabio Faia ha fondato, nel 1998, il DUO ENTR’ACTE, con il quale esegue tutt’ora un repertorio tratto sia da composizioni originali per chitarra e flauto sia da trascrizioni e arrangiamenti di brani estrapolati dalla letteratura musicale per altre formazioni. Fa parte dell’ensemble di musica antica “Musica Reservata” dir M° Andrea Fossati. Con tale formazione si è esibito in occasione della rassegna “Orgelfest” nell’ambito del programma Andechser Orgelsommer 2013 in località Andechs (Monaco di Baviera) eseguendo, come tenore, madrigali e musica sacra del barocco italiano, e con la chitarra classica, musica per liuto del rinascimento italiano e repertorio popolare siciliano e riscuotendo, in tale occasione, il favore della critica tedesca.

 

 

Chiemi Wada 
Nasce a Odawara in Giappone. Inizia come corista e prosegue gli studi musicali in canto con il maestro Tami Asakura presso l'Università femminile Ferris a Yokohama dove si diploma con il massimo dei voti.

In seguito, affascinata dal flauto dolce frequenta un corso in Giappone con il maestro Naoyuki Otake.

Venuta in Italia si iscrive presso il conservatorio V. Bellini di Palermo per approfondire lo studio su questo strumento sotto la guida del maestro Piero Cartosio diplomandosi con la menzione. Ha partecipato a diversi concerti sia in Italia in Giappone come cantante e come flautista.

 

 

 https://www.facebook.com/stagioneconcertisticabagheria/