Telegram e WhatsApp potrebbero finire nel mirino degli hacker: alcuni ricercatori di Check Point Software Technologies hanno infatti annunciato di aver scoperto una vulnerabilità in WhatsApp Web e Telegram Web, piattaforme desktop delle chat, sincronizzate con i dispositivi mobile dell'utente. La falla, se sfruttata dai malintenzionati, permetterebbe di prendere il controllo degli account su qualsiasi browser e di avere accesso alle "conversazioni personali e di gruppo, foto, video e altri file condivisi, liste di contatti e altro ancora".

Gli hacker potrebbero potenzialmente scaricare le foto e pubblicarle online, inviare messaggi per conto dell'utente e accedere ai contatti degli amici. Le due società  hanno verificato e riconosciuto il problema di sicurezza, sviluppando una correzione per i clienti web in tutto il mondo."Fortunatamente, WhatsApp e Telegram hanno risposto rapidamente e in modo responsabile, rilasciando una mitigazione contro lo sfruttamento di questo problema in tutti i client web" ha spiegato Oded Vanunu, head of product vulnerability research di Check Point.

Come funziona il bug? La vittima riceve un'immagine che sembra innocua, ma che in realtà nasconde un codice malevolo. Una volta fatto click sulla foto, l'hacker ha libero accesso alla memoria della chat, nella quale sono archiviati i dati memorizzati dall'utente.