Allarme privacy su WhatsApp? A tantissimi utenti Android, in effetti, sta accadendo qualcosa di strano: all'ingresso nella chat ricevono un messaggio particolare: "Qualcuno sta spiando nel tuo WhatsApp", si legge in un pop-up. Gli esperti di "laleggepertutti.it" tranquillizzano: "La soluzione è semplice: hai installato sul tuo cellulare (volontariamente o meno) un software tra le cui funzioni c'è quella di bloccare l'accesso a terzi estranei nel momento in cui tentano di entrare in determinate app. In pratica tra le funzioni di queste app c'è anche quella di immettere una password (che deve attivare e scegliere il proprietario stesso del cellulare) per l'accesso a determinati applicativi come appunto WhatsApp, Facebook, Messenger o gli sms".

Il nodo della questione è tutto nella chiave d'accesso alla app, soprattutto nel malaugurato caso che qualcuno prenda in mano il vostro smartphone per curiosare, lontano dal vostro controllo: "Se questa password viene sbagliata per ben due volte, al terzo tentativo il cellulare scatterà una foto, in modo tale che il proprietario, in un secondo momento, potrà scoprire il volto dell'intruso e sapere chi stava tentando di spiare nelle sue conversazioni segrete. Insomma, tu non sei la vittima, ma al contrario il beneficiario di un servizio che – questo sì – forse non avevi richiesto".

Nessuna operazione di spionaggio in remoto, quindi, e nessun virus a infettare il telefonino: ad aver istallato l'app è l'utente stesso. "CM Security AppLock, LEO Privacy e Chat Lock sono alcune di queste app che potresti aver installato sul tuo Android, colpevoli di questo 'scherzetto'. Ma non ci sono problemi: qualora le disinstallerai, il messaggio non comparirà più. O, altrimenti, potresti disattivare solo la funzione che immette la password alle tue principali app".