RAGUSA – Aveva appena detto al fidanzato di 19 anni di essere incinta e lui ha iniziato a colpirla con calci e pugni. Le urla della giovane, dell'età di 15 anni, hanno attirato l'attenzione di un Ispettore e di un Sovrintendente della Polizia di Stato in forza alla Squadra Mobile di Ragusa, che erano in quel momento liberi dal servizio e sono subito accorsi, atterrando il ragazzo, che è stato denunciato per percosse aggravate. La coppia si trovava nella zona di viale delle Americhe.

Nonostante il rifiuto fisico e verbale, la ragazza ha comunque detto di non voler essere abbandonata e di voler continuare a stare con il ragazzo, che aveva invece affermato di non voler più stare con lei. Dopo essere stati identificati, i due hanno spiegato di non sapere come tornare a casa, perché lui era senza patente e lei ancora minorenne, quindi sono stati avvisati i genitori.

Proprio i genitori della ragazza hanno chiesto aiuto alle forze dell'ordine, spiegando di averle detto più volte di lasciare quel ragazzo che in altre occasioni l'aveva malmenata, ma che lei era sempre rimasta con lui.