CALTANISSETTA – Rivolta contro le prostitute a Caltanissetta. La zona incriminata è quella compresa tra via Rochester e parte di viale Candura, l'arteria che porta al centro d'accoglienza per extracomunitari. In tarda serata lucciole prevalentemente di nazionalità romene esercitano il mestiere più antico del mondo dove capita: fra le sterpaglie, fra i casolari, fra la piscina comunale e il Palacarelli, in auto.

Una situazione indigesta agli utenti della piscina, che hanno inviato una lettera a prefetto, sindaco, questore, carabinieri, finanza e polizia per chiedere più controlli, come racconta il "Giornale di Sicilia".

"I clienti vengono attirati fra le sterpaglie o all'interno di qualche casolare, oppure, complice l'oscurità che regna nella zona, all'interno delle vetture del cliente di turno. Di recente si segnalano anche auto in atteggiamento sospetto con a bordo conducenti poco raccomandabili, verosimilmente protettori delle stesse prostitute. Assai raramente la zona è controllata da pattuglie delle forze dell'ordine".