Brutte notizie per gli automobilisti: aumenti sulla rete carburanti nazionale. Eni ha ritoccato di 1 centesimo i prezzi raccomandati di benzina e diesel e di 2 centesimi quello del Gpl. Sempre sul Gpl si registrano anche gli interventi al rialzo di 1 centesimo da parte di IP e Italiana Petroli, mentre Tamoil sale di 1 centesimo sul gasolio.

Sul territorio nazionale, comunque, non ci sono stati particolari scossoni per quanto riguarda i pressi praticati.

Secondo l’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,638 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,638 a 1,656 euro/litro (no-logo a 1,619).

Il prezzo medio praticato del diesel, invece, è a 1,511 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,511 a 1,531 euro/litro (no-logo a 1,495).

Per quanto riguarda il servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,762 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,739 a 1,844 euro/litro (no-logo a 1,661), mentre per il diesel la media è a 1,640 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie da 1,631 a 1,724 euro/litro (no-logo a 1,537).