01Puoi ricevere i tuoi referti radiologici stando comodamente seduto sul divano di casa tua: è l’idea di “MyVue, Radiologia con un click”, iniziativa messa appunto da Carestream Health.

Dopo la Rete Civica della Salute, l’interfaccia tra istituzioni sanitarie e cittadino, volta a far conoscere tutte le iniziative della regione in materia sanitaria, e per fornire, ai pazienti, un luogo in cui poter esporre le proprie idee, le proprie difficoltà, i propri reclami, e dopo il medico in un click, il tentativo della Sanità regionale di sburocratizzarsi, passa nuovamente attraverso la Rete con un programma di diagnostica volto a portare i risultati degli esami radiologici, direttamente nelle case dei pazienti. Carestream Health e l’Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo hanno infatti messo appunto un progetto di imaging diagnostico che consentirà a tutti i pazienti dei 16 Presidi e Poliambulatori della provincia, di ricevere i propri referti a casa propria, con un semplice click.

Alla conferenza stampa del 28 ottobre, tenutasi all’Ospedale Ingrassia, c’erano proprio tutti: il Presidente della Regione, Rosario Crocetta, l’Assessore, Lucia Borsellino, e il Direttore Generale dell’ASP; Antonino Candela, che hanno dichiarato come Palermo sia la prima provincia d’Italia ad aver adottato il sistema MyVue, e la seconda in Italia, dopo l’Azienda Sanitaria Locale di Ferrara, ad aver informatizzato i suoi servizi di radiologia.
Per i cittadini di Palermo e dintorni, inclusa l’isola di Lampedusa, non sarà dunque più necessario tornare presso il luogo in cui sono stati effettuati gli esami, per ritirare i referti, basterà una connessione a internet e in un attimo, sarà possibile visualizzare, sul proprio schermo, tutti i risultati disponibili. Risultati, che potranno anche essere condivisi e messi a disposizione di altri medici, nella più totale sicurezza, perché MyVue agisce nel pieno rispetto delle norme standard internazionali di tutela della privacy, che riguardano il web e le comunicazioni telematiche.

Una piattaforma che ha anche l’obiettivo di migliorare e dunque agevolare, il lavoro dei medici coinvolti nel percorso diagnostico, offrendo così la possibilità per loro di seguire il paziente, dal momento in cui entra nel Reparto di Radiologia fino al momento in cui il referto viene gestito amministrativamente e preparato per la diagnostica; un lavoro che include anche l’occasione, per i medici, di comunicare direttamente tra di loro in tempo reale, e di usufruire di un eventuale teleconsulto su quelli che si prevede possano essere almeno 300mila esami radiologici l’anno solo nell’area di competenza dell’ASP 6 di Palermo.

Autore | Enrica Bartalotta