01Il secondo istituto di credito d’Italia offre prestiti agli studenti universitari di Palermo, un modo alternativo per influire sullo sviluppo economico della regione, e del Paese.

«UniCredit persegue l’obiettivo di avere un ruolo socialmente rilevante che vada oltre il proprio ruolo istituzionale di istituto di credito.» ha esordito Vincenzo Tumminello, Responsabile Settore Pubblico e Sviluppo del Territorio Sicilia, all’alba dell’inaugurazione del patto.
Dopo aver deciso di prestare 400 milioni di euro ad aziende e famiglia siciliane, nell’ambito del progetto “Valore Europa” volto ad aiutare 150 mila tra aziende e imprese di start-up, UniCredit fa il bis: il “Fondo ad Honorem” dell’Università di Palermo, permetterà agli studenti iscritti a Master, Corsi di Specializzazione e tirocini attivati dall’ateneo, di usufruire di prestiti agevolati.

L’obiettivo? La convezione tra istituto di credito e ateneo cittadino è stata stipulata come incentivo per spingere il Paese e la regione verso la ripresa economica. Aiutare gli studenti, che sono il futuro di una città e di una Nazione, è proprio ciò che spera di ottenere UniCredit, che per l’anno accademico 2014/2015 ha messo le sue casse a disposizione di 37 Master, 45 Scuole di Specializzazione e 28 stage. UniCredit fornirà le somme agli studenti che presenteranno domanda, senza la necessità di dover presentare una garanzia per essi.
Per avere in concessione il prestito fiduciario UniCredit, basta essere un cittadino italiano e avere la maggiore età. Inoltre, il proprio reddito, personale o famigliare, non deve superare i 25.000 euro annui; requisito fondamentale è inoltre quello di essere studenti dell’ateneo palermitano.

La nota istituzione accademica divenne Università nel 1806, per volere di Ferdinando III di Borbone, che trasformò l’Accademia Panormitana degli Studi, in un istituto in grado di rilasciare anche lauree in Teologia, Medicina, Giurisprudenza e Filosofia. Dall’Unità d’Italia, l’ateneo ha acquisito l’aspetto moderno con cui lo conosciamo oggi; nei suoi distaccamenti presenti ad Agrigento, Trapani e Caltanissetta, è infatti possibile ricevere anche i titoli di Ingegnere e di Architetto. A Marsala, è inoltre attivo un corso di studi sull’Enologia e la Viticoltura, una delle punte di diamante della regione assieme alla coltura agrumicola.

Il finanziamento agevolato potrà servire agli studenti o neo-laureati, per completare i propri studi, oppure per avviare progetti che possano facilitare il loro ingresso nel mondo del lavoro; è possibile ricevere fino a 5.000 euro, che potranno essere distribuiti entro un totale di 60 mesi al massimo.

Autore | Enrica Bartalotta