POZZALLO (RG) – Nella tragedia umana che quotidianamente si consuma al largo del Canale di Sicilia, c’è chi ha tempo anche per un Selfie di gruppo, per rallegrarsi del successo della traversata che ha condotto ben 420 poveri migranti, in cerca di una vita dignitosa, in Sicilia.

Per fortuna il Selfie effettuato dai 7 scafisti, sorridenti sulla vecchia imbarcazione, è stato recepito dalle autorità, convalidando l’arresto per i 7 che, felici, si erano lasciati andare all'ebrezza del famoso autoscatto, proprio al ritorno dell’ operazione, a loro modo, ben riuscita!

E’ paradossale come il gran caos che ruota intorno alla tragedia umana di imbarcazioni affiancate, di emergenza vestiti, della mancanza di cibo; di tutti i morti che quotidianamente la Capitaneria recupera dal mare, compreso il grande grido: “la Sicilia  e l’Italia non devono essere lasciate da sole. L’Europa deve intervenire”; è paradossale come non si faccia mai un vero identikit dello scafista, di coloro che in realtà, da questo grande disagio, ne hanno creato un business.

In particolare i 7 scafisti traditi da un selfie, gli stessi che hanno effettuato l’ultimo grave sbarco in Sicilia, e adesso fortunatamente arrestati, con un solo viaggio erano riusciti ad incassare circa un milione di dollari.