CASTELVETRANO – Scene da film in una banca di Castelvetrano dove una cassiera è stata presa in ostaggio dai rapinatori.

Il tutto è successo ieri verso le 14,45 quando alla riapertura degli sportelli della filiale della Banca Carige di Castelvetrano, sita in via Marconi, si sono presentati i ladri.

Insieme alla cassiera e al direttore, altri tre clienti si trovavano dentro la banca che presto si è trasformata in un vero set cinematografico. Peccato che il tutto fosse vero.

Entra infatti un uomo alto circa 1,70 cm con una parrucca argentata e un cappello rosso calato sul volto per non farsi riconoscere. Va dritto nella stanza del direttore, Tommaso Tamburello e pronuncia la seguente frase:

“Non fare stupidaggini, sono pieno di armi, fammi consegnare il denaro”

 

Poi l'uomo si gira verso la cassiera prendendola in ostaggio:

Nello stesso istante, un cliente in coda allo sportello avverte un malore e casca sul pavimento. La cassiera, più volte minacciata, ha saputo mantenere la calma, ma è stata costretta ad aprire la sua cassa e cedere circa 5.000 euro. Anche ad un altro sportellista è stato intimato di consegnare il denaro in cassa. Ma in questo caso, non vi erano neanche pochi spiccioli.