Maltratta e segrega la sua famiglia in casa. Una storia di terrore incredibile quella che ha portato all'arresto di Michele Armenia, 44 anni, accusato – e beccato in flagranza di reato – di maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona.

Secondo i carabinieri di Pachino che hanno eseguito l'operazione di fermo, per mesi l'uomo avrebbe maltrattato la madre, quasi 80enne, e la sorella, addirittura picchiata nel sonno affinché smettesse di frequentare una persona non gradita al fratello.

Due giorni fa, l'aguzzino ha fatto anche di peggio, decidendo di chiudere in casa le due vittime. I militari hanno accertato che porte e finestre erano state chiuse con dei lucchetti e sigillate con del nastro isolante su cui l’aguzzino aveva addirittura apposto la sua firma per essere sicuro che non venissero aperte durante la sua assenza.