Fabrizio Corona è tornato in carcere poco più di un mese fa: interrogato dal Gip, aveva ammesso di aver nascosto in austria «circa 900 mila euro», mentre era già stata avviata una rogatoria per rintracciare le somme. Quella rogatoria ha portato al sequestro di due cassette di sicurezza e di un conto ad Innsbruck per un totale di 843 mila euro.

Era stata Geraldine Darù, ex collaboratrice del re dei paparazzi, a riferire a verbale, alla fine del mese di settembre, che il primo agosto scorso Francesca Persi, presunta prestanome di Corona (anche lei arrestata), le aveva chiesto di custodire una borsa «per suo conto». Nella borsa, stando al suo racconto, avrebbe trovato tra le 20 e le 30 buste bianche con dentro alcuni contanti che Persi avrebbe portato in Austria.

Fabrizio Corona ha sostenuto che quei contanti sarebbero compensi "in nero" per le sue serate nelle discoteche, ma alcuni titolari di locali lo hanno smentito. «Mi sento accerchiato, ho commesso un errore ma non un reato, se mi date il tempo per pagare le tasse su quei contanti potrò proseguire nell'affidamento, perchè sono una persona onesta che ha guadagnato un mucchio di soldi ammazzandosi di lavoro», aveva sostenuto davanti ai giudici.