PARTINICO (PALERMO) – Maxi multa per pesce non tracciabile. Controlli a tappeto a Partinico nell'ambito dell'operazione "Trinacria", effettuata in collaborazione con la Guardia Costiera di Terrasini, insieme ad Asp e Finanza. 

In particolare, i controlli in un centro commerciale hanno portato a una multa di 1.500 euro per la mancata tracciabilità del pesce con conseguente sequestro amministrativo di circa 5 chili tra pesce spada, orate, gamberone e gamberi, da avviare alla distruzione. L'Asp ha riscontrato inadeguatezze dovute a carenze igienico-sanitarie. Il nome del locale in questione non è stato reso noto.

I controlli si sono poi spostati sulla viabilità: 66 le persone controllate, 39 i veicoli fermati e circa 7 mila euro di multe elevate per la mancanza di carta di circolazione, di patente di guida e di revisione. Sono inoltre state sequestrate due auto.