Si infila nel letto della ex, ma ci trova la suocera. Per quanto possa sembrare una vicenda dai risvolti ironici, in realtà si tratta di un episodio molto serio, con maltrattamenti, pedinamenti e minacce. Un operaio di Parma di 32 anni, che non riusciva a rassegnarsi alla fine della relazione, si è introdotto furtivamente nell'abitazione di lei, che vive con i genitori. Avendo copia delle chiavi, si è introdotto in casa, dirigendosi in quella che secondo lui era la stanza da letto della ex.

Nelle sue intenzioni, probabilmente, l'idea era quella di infilarsi nel letto della donna, ma è finito in quello della suocera, ultraottantenne: l'anziana ha iniziato a urlare per chiamare aiuto ed è intervenuto il marito. Il 32enne, dopo una colluttazione, è fuggito, rubando due telefoni cellulari per impedire ai padroni di casa di allertare le forze dell'ordine. Fuggendo, però, ha lasciato in casa degli ex suoceri il suo smartophone: i carabinieri lo hanno rintracciato e arrestato, con l'accusa di rapina aggravata.