Una ragazzina di appena 12 anni è rimasta paralizzata in seguito a un tuffo in acque troppo basse. La piccola ha battuto violentemente la testa e adesso, dopo l'incidente avvenuto a fine luglio, le conseguneze sono definitive.

La 12enne era ricoverata al Brotzu, nel reparto di Pediatria, da fine luglio, cioè dal giorno in cui è avvenuto l'incidente, il 30 a Carloforte. Da quanto si è appreso, la 12enne si trovava a bordo di una barca con il padre, il natante era ancorato vicino alla costa dove il fondale era molto basso. La bambina si è tuffata in acqua e ha battuto la testa, rimanendo paralizzata. È stato lo stesso familiare a soccorrerla e chiamare il 118. Sul posto è arrivata l'ambulanza, ma viste le gravi condizioni in cui versava la minore è stato richiesto l'immediato intervento dell'elisoccorso.

La Capitaneria di porto di Carloforte ha facilitato l'intervento dei soccorsi, consentendo l'ingresso in sicurezza dell'ambulanza in porto a Carloforte e il successivo atterraggio dell'elicottero che l'ha poi trasportata a Cagliari.