E' emergenza sbarchi in Sicilia: il miglioramento delle condizioni climatiche ed un mare calmo hanno favorito l'arrivo di un elevatissimo numero di migranti. La nave San Giorgio della Marina Militare ha soccorso un barcone in difficoltà nelle acque a sud di Lampedusa: 321 le persone a bordo, che si aggiungono alle oltre 800 arrivate negli ultimi giorni.

Nella giornata di domenica 828 persone erano state trasferite nella strutture di Pozzallo, ormai al collasso: il centro potrebbe accogliere 180 persone. Le strutture di accoglienza del ragusano sono in crisi. Negli ultimi giorni, i profughi sono stati soccorsi dalla fregata Espero e dal pattugliatore Cassiopea, come si legge in una nota della Marina Militare "Nave Espero è intervenuta in soccorso ad un natante con 433 persone a bordo, tra cui 75 donne e 3 minori, in seguito alla richiesta di aiuto da parte dei migranti. Due donne sono in stato di gravidanza. Nave Cassiopea, invece, ha soccorso un barcone con a bordo 385 migranti, in cooperazione con la nave mercantile Red Sea, recuperandono 219, tra cui 40 donne e 10 minori. Un uomo in precarie condizioni di salute è stato trasferito con l'elicottero della fregata Aliseo verso l'ospedale civile di Lampedusa".

I numeri dell'emergenza sbarchi in Sicilia sono in continuo aumento e non accennano a diminuire: dalle pagine dell'edizione di Palermo de La Repubblica, il sindaco di Pozzallo, Luigi Ammatuna, ha lanciato una richiesta di intervento da parte delle istituzioni: "Chiediamo il massimo supporto per cercare di gestire al meglio una situazione che rischia di peggiorare e diventare insostenibile con l'arrivo dei mesi estivi".