Gli Stati Uniti rendono omaggio alla Sicilia. L’eccellenza della ristorazione dell’isola arriva alla Banca Mondiale, organizzazione di Washington. Qui si terranno i “Sicilian Heritage Days“. L’evento è organizzato da Giosetta Capriati, presidente di una società specializzata in progetti di alto livello tra Italia e Stati Uniti.

Anni fa ha deciso di portare la ristorazione tricolore nelle grandi sedi istituzionali del mondo. Ha iniziato con il Palazzo di Vetro di New York nel 1995 e nel 2015 ha organizzato con Italia di Gusto l’Italian Food Festival. Cinque chef italiani, tra i quali anche Filippo La Mantia, sono arrivati alle Nazioni Unite.

Per i Sicilian Heritage Days sarà protagonista lo chef trapanese Salvatore Fraterrigo, che dopo aver lavorato in Francia, Inghilterra e Usa ha aperto il ristorante Norma Gastronomia Siciliana a New York. In occasione dell’evento alla Banca Mondiale preparerà due buffet con caponata, arancine, anelletti alla palermitana, involtini di pesce spada, cannoli e cassate. Ci saranno, inoltre, anche i panettoni di Nicola Fiasconaro. L’azienda di Castelbuono è diventata un’eccellenza nota in tutto il mondo per i suoi panettoni, rivisitati in chiave siciliana.

Tra gli Usa e la cucina siciliana è vero amore. Proprio in questi giorni si è appreso che il ristorante Piccola Cucina Enoteca, del siciliano Philip Guardione, è il migliore locale di New York secondo TripAdvisor. Una nuova conferma del fatto che l’intraprendenza dei siciliani premia!