Aprirà entro la fine del mese a Capo D'Orlando, nel seminterrato della "Casa del Fanciullo", e sarà uno dei primi social market italiani, per famiglie in difficoltà economiche. I lavori sono stati ultimati e a gestire il market sarà l'Anspi "Guido Galipò" di Capo d'Orlando: sarà adesso compito dei comuni dei Nebrodi fornire gli elenchi delle famiglie sulla soglia della povertà, che potranno usufruire di questo servizio.

I social market sono negozi in cui si possono comprare a prezzi calmierati i prodotti donati da aziende e privati attraverso raccolte alimentari. Alcuni prodotti, inoltre, vengono forniti gratuitamente, a seconda dei casi. L'accesso non è soltanto per le famiglie più povere, che hanno già altri aiuti da parte dei servizi sociali, ma anche per quelle famiglie che stentano ad arrivare con il proprio reddito alla fine del mese.

Oltre all'apertura di Capo d'Orlando, ne è prevista un'altra a Lipari:

Questa – spiega al Giornale di Sicilia il commissario dell’Esa, Francesco Calanna – vuole essere una azione di welfare attivato da un partenarito pubblico-privato con l’obiettivo di rispondere alla esigenza di solidarietà che sia al contempo rispettosa della dignità di ogni persona. Ci saranno in vendita numerosi beni di prima necessità ed alcuni prodotti saranno forniti gratuitamente a quelle famiglie che hanno diritto di accedere a questa sorta di ammortizzatore sociale.