PALERMO – Il sospetto di una setta satanica a Palermo, tra croci rovesciate, numeri che potrebbero portare a riti satanici e bestemmie. A rivelarne l'esistenza, dopo varie segnalazioni, è stato il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Igor Gelarda. Tra viale Lazio e via Sicilia, nel passaggio pedonale allestito all’interno del cantiere dell’anello ferroviario, si notano "scritte e simboli ben precisi che fanno sospettare la presenza in città di una setta satanica. Si nota, in particolare, la stella a cinque punte all’interno di un cerchio, ma anche la sequenza numerica "666" che allude a Satana. Ci sono pure simboli fallici e il disegno di un gattino con la croce rovesciata sul petto", dice Gelarda.

Il politico non esclude, per ovvi motivi, che possa trattarsi di una brava. Ma allo stesso tempo chiede l'avvio di un'indagine. "Oltre a essere volgari e di cattivo gusto, offendono la sensibilità religiosa di molti nostri concittadini e per tale ragione ho trasmesso, in qualità di consigliere comunale, una nota urgente al sindaco nella quale chiediamo la cancellazione di queste scritte e l'istallazione di telecamere di controllo. Ho anche segnalato la cosa ai competenti uffici di polizia, affinché valutino se ci sono gli elementi per comprendere se ci sono dietro anche attività illecite, legate appunto a culti del satanismo, o si tratti delle scritte di qualche balordo. Si tratta di immagine che urtano la sensibilità della gente più sensibile", conclude Gelarda.