1208915_546551095412453_1249204128_nDopo i cani sepolti vivi a Palermo, torniamo a parlare della profonda inciviltà radicata in molti nostri conterranei. Non saprei come altro definirla senza usare parole molto offensive.

A Belpasso è accaduto che un uomo di 62 anni, quindi già bello e vaccinato, infastidito dall'abbaiare di due cani randagi (e quindi figli di nessuno) abbia ben pensato di zittirli fucilandoli dal comodo balcone di casa.

Evidentemente il signore è avvezzo ad usare armi visto che in un sol colpo ha impallinato uno dei due cani.

 

A questo punto un vicino di casa (uno di quelli che non sa “farsi i fatti suoi”, come dovrebbe fare ogni bravo siciliano) ha allertato i carabinieri che, rinvenuto il cadavere, sono entrati in casa del mite (si fa per dire) signore ed hanno trovato un arsenale con munizioni alterate e silenziatori fuori norma. Insomma sembrava la casa di un sicario più che di un vecchietto.


L'uomo è stato arrestato. Ma, in quanto incensurato, ora è in libertà e in attesa di processo. Dovrà rispondere di:

1. uccisione di animale;
2. detenzione illegale di armi alterate;
3. detenzione di munizioni alterate;

 

Autore | Viola Dante, Immagine | www.flickr.com