La 59enne britannica Diane De Zoysa è rimasta suo malgrado bloccata in Sri Lanka. Nel 2012 aveva sposato un ragazzo del posto molto più giovane, che poi è morto. Un anno fa la donna aveva messo in vendita la sua casa di Edimburgo e consegnato al neosposo l’equivalente di 113.000 sterline, quando aveva deciso di trasferirsi definitivamente in Asia e vivere con lui. Circa un mese fa il giovane marito della donna è stato assassinato con tre colpi d’arma da fuoco mentre si trovava a casa di un amico. E ora lei sta tentando di tornare in Scozia. Invano.

Diane aveva conosciuto Priyanjana, che lavorava come inserviente in un albergo, durante una vacanza in Sri Lanka nel 2012. Sette mesi più tardi aveva deciso di sposarlo. De Zoysa, ex impiegata nel City Council di Edimburgo, è convinta che Priyanjana sia stato ucciso da alcuni uomini che volevano estorcergli denaro: "Pensavano che fosse ricco visto che aveva una casa graziosa, un minibus e un tuk tuk. Aveva già dato loro dei soldi, ma ne volevano di più". L’indagine sull’omicidio avviata dalla polizia locale è ancora in corso.

Diane aveva riposto nella vita con Priyanjana tutte le sue speranze, comprando una casa in Sri Lanka con i suoi ultimi risparmi. Ora che il marito non c'è più però sogna di poter tornare in Scozia. Purtroppo, complice la sua attuale situazione economica, è impossibilitata a farlo. Di qui il suo disperato appello alle istituzioni scozzesi: "Vi prego, aiutatemi".