In seguito all'avvistamento di uno squalo di circa tre metri nel mare antistante Fiume Guardia, uno dei tratti di spiaggia più frequentati e più lunghi del litorale nord di Messina, la Capitaneria di Porto si è attivata, raccomandando la massima prudenza a chi va per mare. Ad avvistare lo squalo è stato l'equipaggio di una feluca, una delle barche che solcano lo Stretto per la pesca del pescespada. 

La pinna del pescecane è stata vista a circa un centinaio di metri dalla spiaggia: i pescatori , visto lo squalo affiorare dall’acqua, hanno cercato di allontanarlo verso il mare aperto con lanci di arpione. Immediata la segnalazione alla Capitaneria di porto, che immediatamente ha inviato una motovedetta per perlustrare la zona. Nel tratto che va da Paradiso a Sant’Agata, tra l'altro, ci sono molte persone che praticano windsurf, vento permettendo, o vanno in barca a vela e che potrebbero rischiare di fare il pericoloso incontro. 

La Capitaneria di Porto ha intanto invitato i bagnanti «a prestare la massima attenzione, evitando di allontanarsi eccessivamente dalla spiaggia». Stessa raccomandazione è stata rivolta anche agli «utilizzatori di tavole a vela, piccole imbarcazioni e praticanti l’attività subacquea» cioè coloro che praticano il windsurf, pescatori dilettanti e sub.