ARAGONA. Stefano è un ragazzo di 17 anni che per colpa di qualcuno non può più andare a scuola. In città mancano i mezzi per accompagnarlo; la madre del ragazzo  (che lo ha sempre fatto al posto delle istituzoni comunali) adesso rischia di perdere anche il lavoro. 

LA STORIA:

Stefano è un ragazzo disabile di 17 anni. Originario di Aragona, è affetto da una forma di tetraparesi distonica che lo costringe a vivere con una sedia a rotelle. Frequenta l'Istituto Foderà di Agrigento, ma forse ancora per poco. 

Ancora per poco perché le ditte accreditate per il trasporto di studenti disabili non hanno provveduto all'acquisto di una pedana elevatrice che consentirebbe a Stefano (e altri tragazzi nella sua stessa situazione) di continuare gli studi come tanti altri ragazzi della sua età.

A sopperire alla mancanza di una adeguata strumentazione, è stata la madre di Stefano che da anni accompagna Stefano a scuola con due auto: una per Stefano ed una per la sedia a rotelle del ragazzo, abbastanza voluminosa. Ma oltre all'inganno anche la beffa. La mamma di Stefano, avendo abbondantemente chiesto ferie e permessi, per aiutare il figlio in difficoltà, adesso rischia di perdere il lavoro. 

"Questa potrebbe essere la sua ultima settimana di scuola – dice la mamma di Stefano – anche se non mi arrenderò mai. Ho chiamato più volte le cooperative accreditate e tutte mi hanno risposto con grande tranquillità che non hanno mezzi adeguati"