Ci sono 11 indagati, tra medici e infermieri e medici dell'ospedale di Taormina (Messina), per la morte della piccola Nicole, avvenuta il 14 novembre durante il parto cesareo. Un atto dovuto per eseguire l'autopsia sul corpo della neonata. Nelle ore successive alla morte della bimba, i familiari hanno chiesto l'intervento della Procura: il padre ha presentato denuncia, sostenendo che nel corso del parto cesareo qualcosa non sia andata per il verso giusto.

La gravidanza sarebbe stata tranquilla e la donna avrebbe raggiunto l'ospedale di Taormina la mattina precedente al cesareo. Secondo quanto raccontato dall'uomo, alle 12.30 è stata fatta entrare in travaglio. Ha trascorso la notte e alle ore 5.30 del 14 novembre i medici hanno deciso di farla partorire. È entrata in sala operatoria alle 6 e mezz'ora dopo al papà della bimba ne è stata comunicata la morte.