stesiunnamedImportante appuntamento culturale venerdì 11  aprile a Termini Imerese dove, nel salone centrale del Circolo Margherita, con inizio alle ore 16,30, si terrà la prima sessione di un importante convegno dal titolo:

            "STESICORO e HIMERA", Poeti e atleti nell'antica Grecia 

L'incontro, vera e propria occasione di conoscenza e di studio, si sposterà poi sabato mattina giorno 12 nella vicina pinacoteca del Museo Civico "Baldassare Romano" con un ulteriore momento dedicato soprattutto agli studenti. –  "E' un doveroso omaggio ad uno dei più grandi personaggi Imeresi" ha dichiarato l'architetto Roberto Tedesco, uno dei principali sostenitori della iniziativa. Ed in effetti su Stesicoro sulla sua vita, sulla sua storia, sulla sua immensa arte ci sarebbe veramente tanto di cui parlare; si pensi che qualcuno lo paragonò ad Omero arrivando addirittura ad ipotizzare che potesse in realtà trattarsi della stessa persona.  Tisia di Himera detto Stesicoro, ovvero ordinatore di cori, ha in verità origini incerte; egli nasce nel 640 a.c. in un luogo ad oggi mai identificato con certezza  ma, come dimostra lo stesso nome,  viene comunque unanimemente considerato Imerese in quanto è in questa città  che trascorse gran parte della sua vita e compose le sue opere più importanti. Stesicoro, considerato poeta dei miti, si cimentò con successo in diversi generi divenendo importante punto di riferimento anche per tanti autori di tragedie greche. Egli era solito declamare le sue opere accompagnandosi con la cetra, di lui parlano illustri personaggi della Magna Grecia come Platone, Orazio e Quintiliano; fratelli di Tisia di Himera furono altrettanto importanti nomi dell'epoca ovvero Mamertino che insegnò in Grecia ed il giurista Elianatte. Costretto a fuggire da Himera in quanto perseguitato politico, Stesicoro si rifugiò a Catania dove mori nel 555 a.c. anno I° della 61^ olimpiade.
 
Termini Imerese lo rappresenta con ai piedi una capretta nel suo stemma comunale insieme a Cerere ed a San Calogero sul monte Eurako.
 
 
Al convegno partecipano illustri personaggi della cultura, tra questi il Prof. Marco Ercoles della Università di Bologna ed il Prof. Carmine Catenacci della Università di Chieti e Pescara. Interverranno anche il Dott. Stefano Vassallo Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo, i Prof. Roberto Sammartano ed Oscar Belvedere e la Prof.ssa Pietrina Anello della Università di Palermo, i  Professori Antonio Balsamo, Orazio Aiello e Francesca Caronna ed il sig. Michele Longo. L'incontro sarà moderato dall'Architetto Roberto Tedesco e dal Dott. Mauro Marino. Previsti numerosi interventi di saluto da parte di qualificati rappresentanti istituzionali a partire dal Sindaco di Termini Imerese Dott. Salvatore Burrafato e dall'Ass.re alla cultura Dott.ssa Noemi Virzì,  poi del  Dott. Giovanni Stringi, presidente del "Circolo Margherita", del Dott. Mauro Marino, presidente dell'Associazione "Termini d'Amuri", della Prof.ssa Anna Rita Zappulla, dirigente scolastico del liceo scientifico "Nicolò Palmeri", della Prof.ssa Nella Viglianti, dirigente scolastico del liceo classico "Gregorio Ugdulena", della Dott.ssa Giusy D'Asaro, presidente Lion's Termini Himera Cerere, del Dott. Ettore Amodeo, presidente Lion's Termini Imerese Host, della Dott.ssa Agata Villa, direttore del Parco Archeologico di Himera della Dott.ssa Margherita Zaffuto Direttore del Museo Civico "Baldassare Romano" del Sig. Nino Arena presidente Leo Club Termini Imerese. La relazione di sintesi verrà illustrata dal Prof. Franco Amodeo Past Governatore Lion's mentre l'attore Mimmo Minà reciterà testi di Stesicoro.